Distretto agricolo biologico del Casalasco-Viadanese

Venerdi' 27 ottobre la presentazione ufficiale

  • 31 ottobre 2017
  • Autore: staff condotta
  • Numero di visite: 585
  • 0 Commenti
Distretto agricolo biologico del Casalasco-Viadanese
Il Distretto Agricolo Biologico Casalasco Viadanese, è una rete d'imprese biologiche certificate che si sono unite per far fronte alle esigenze dell'ambiente e dell'economia per un cibo buono (sano), pulito (che rispetta l'ambiente) e giusto (prezzo equo).

Venerdi' 27 ottobre la presentazione ufficiale, nel corso di una merenda contadina nell’azienda agricola Ca’ Vecchia di Valle (vicino a Bellaguarda, nella campagna tra Viadana e Casalmaggiore). Oltre ai produttori e a vari sostenitori, sono intervenuti l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Fava, i sindaci di Viadana Giovanni Cavatorta e Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, il presidente del Gal “Terre del Po” Francesco Meneghetti. Gli ospiti hanno degustato una selezione di prodotti tipici: lambrusco viadanese, luadèi, formaggi caprini, mostarde di meloni antichi, conserve di zucca, bissolani cotti nel forno delle stufe a legna. 

Obiettivo del Distretto è la promozione delle aziende agricole che producono seguendo i dettami del bio: l’aggregazione permetterà di condividere sforzi e fabbisogni formativi. Si punta inoltre a favorire la filiera corta, a valorizzare le diversità e a presidiare il territorio, nell’auspicio di una diffusa conversione dall’agricoltura convenzionale e standardizzata a quella bio.


venerdi' 27 ottobre la presentazione ufficiale, nel corso di una merenda contadina nell’azienda agricola Ca’ Vecchia di Valle (vicino a Bellaguarda, nella campagna tra Viadana e Casalmaggiore). Oltre ai produttori e a vari sostenitori, sono intervenuti l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Fava, i sindaci di Viadana Giovanni Cavatorta e Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, il presidente del Gal “Terre del Po” Francesco Meneghetti. Gli ospiti hanno degustato una selezione di prodotti tipici: lambrusco viadanese, luadèi, formaggi caprini, mostarde di meloni antichi, conserve di zucca, bissolani cotti nel forno delle stufe a legna. 

Obiettivo del Distretto è la promozione delle aziende agricole che producono seguendo i dettami del bio: l’aggregazione permetterà di condividere sforzi e fabbisogni formativi. Si punta inoltre a favorire la filiera corta, a valorizzare le diversità e a presidiare il territorio, nell’auspicio di una diffusa conversione dall’agricoltura convenzionale e standardizzata a quella bio.venerdi' 27 ottobre la presentazione ufficiale, nel corso di una merenda contadina nell’azienda agricola Ca’ Vecchia di Valle (vicino a Bellaguarda, nella campagna tra Viadana e Casalmaggiore). Oltre ai produttori e a vari sostenitori, sono intervenuti l’assessore regionale all’agricoltura Gianni Fava, i sindaci di Viadana Giovanni Cavatorta e Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, il presidente del Gal “Terre del Po” Francesco Meneghetti. Gli ospiti hanno degustato una selezione di prodotti tipici: lambrusco viadanese, luadèi, formaggi caprini, mostarde di meloni antichi, conserve di zucca, bissolani cotti nel forno delle stufe a legna. 

Obiettivo del Distretto è la promozione delle aziende agricole che producono seguendo i dettami del bio: l’aggregazione permetterà di condividere sforzi e fabbisogni formativi. Si punta inoltre a favorire la filiera corta, a valorizzare le diversità e a presidiare il territorio, nell’auspicio di una diffusa conversione dall’agricoltura convenzionale e standardizzata a quella bio.

Print
Categorie: News
Tags: distretto
Rate this article:
5.0